Da una terrazza assolata, Giroglifici si congeda osservando il centro di Verona e il brulicare di chi smonta il Giro d'Italia 2019. Tra digressioni culinarie a più voci, citazioni shakespeariane e musica "denz", anche questa volta non si riesce a decifrare proprio tutto. Ma è questo il bello della fine di un Giro, ci si risveglia da un sogno con le idee più confuse di prima. Grazie per averci fatto compagnia nel sogno.

 

 

PS - Se volete dare una spinta al nostro viaggio al Giro 2019, su questa pagina di Paypal avete un'ottima occasione.