#SdG (e21) - À Paris

Dopo la grandine delle Alpi, il Tour riparte verso Parigi sotto il sole. E' necessario il sole per un giorno di festa, anche se destinato a finire illuminato dalla Luna.

Si comincia con calma, e soprattutto all'ombra:

E' bene tenersi freschi, se c'è da brindare. Ovviamente a champagne

e aragoste.

Ma soprattutto champagne, ripetutamente,

tanto che l'incidente è quasi inevitabile. Il meccanico dell'Ineos scatta così, SOS Champagne:

D'altronde bisogna bere tutto in fretta, Parigi è all'orizzonte

e non si può arrivare già ubriachi in una città che ti ubriaca di suo.

Si deve solo gettarsi tra le sue braccia

e affidare il proprio cuore al tramonto,

al pavé,

alle giostre

e alle gioie.

Non è un'impresa facile cantare una città che ti accoglie e ti strega come Parigi.

Il Tour de France ci prova da oltre un secolo

e ci riesce un'altra volta, grazie ai pugni al cielo di un velocista che spunta all'improvviso come un risveglio ma ancora scattante come i sogni

Ci hanno provato in tanti a cantare Parigi. Con voce emozionata, c'è riuscito Egan Bernal:

Prima di lui ce l'aveva fatta Edith Piaf

Paris, c'était la gaieté, Paris c'était la douceur aussi, c'était notre tendresse

E pure Yves Montand

Le soleil, qui est son vieux copain, est aussi de la fête

Il y a des gars et il y a des filles
Qui sur les pavés sans arrêt nuit et jour
Font des tours et des tours

innamorato com'era dei cieli di Parigi

Sous le ciel de Paris s'envole une chanson
Elle est née d'aujourd'hui dans le cour d'un garçon

Puis les gens par milliers sous le ciel de Saris
Jusqu'au soir vont chanter l'hymne d'un peuple épris

Più di tutti ci è riuscito Jacques Brel, nato a Bruxelles e morto a Parigi. Proprio come questo - bellissimo - Tour de France.

Le soleil qui se lève st caresse les toits
Et c'est Paris le jour

Et c'est Paris bonsoir
Et ce jour-là enfin où tu ne dis plus non

Et c'est Paris ce soir
Une chambre un peu triste où s'arrête la ronde

Et c'est Paris nous deux
Un regard qui reçoit la tendresse du monde

Mais la fin du voyage, la fin de la chanson
Dernier jour, dernière heure. Première larme aussi

Au revoir, Paris. Et merci. 

 

 

 

 

A cura di Filippo Cauz.

 

 

 

 

 

Categoria: