Presentazioni a Torino e Milano

Di mezzo tra classiche e Giro, ci rimettiamo per un paio di giorni in strada.

Categoria: 

[Fiandre 2022] - Una storia di zig-zag

Il Fiandre del 2022 è una storia di zig-zag. E il suo ultimo chilometro, col suo folle ondeggiare, ci spiega qualcosa in più sugli uomini che si barcamenano come Mathieu van der Poel e Tadej Pogačar.

Categoria: 

Biniam Girmay, o del fare la Storia

Vivere dall’interno certi momenti storici, ce ne stiamo accorgendo, è un’esperienza sopravvalutata. La Storia è insensibile, impersonale, un pachiderma che tutto travolge e tutto stritola.

Categoria: 

[Strade Bianche 2022] Anche oggi la volpe è scappata

Lo scorso autunno Tadej Pogačar confessò di fregarsene del futuro e del suo ruolo nella storia, eppure quella che continua a compiere è un'operazione di ricodifica del ciclismo. Abbatte record longevi nelle corse storiche e apre scenari nuovi nelle gare più giovani.

Categoria: 

BIKLE - Cos'è e come si gioca

BIKLE è una versione modificata (non ufficiale) di WORDLE, l'ipnotico gioco enigmistico in cui bisogna indovinare ua parola di 5 lettere in 6 tentativi. Solo che questa nostra versione ha la particolarità di essere stata pensata per agli ap

Categoria: 

[Fayetteville 2022] Un altro e un altro ancora

I mondiali di ciclocross negli USA hanno premiato Marianne Vos e Tom Pidcock. Ancora una volta.

Categoria: 

Considerando che il Tano

Considerando che il Tano Belloni era nato a Pisighitòn, in italiano Pizzighettone, nome poco ciclistico, e anche luogo poco ciclistico, tant’è che di corridori buoni non ne è venuto su più nessuno.

Categoria: 

Pedalare per me stesso: Pinot, il ciclismo, il futuro

Categoria: 

I 4 articoli più apprezzati del 2021

Come da tradizione, vi riproponiamo in conclusione d'anno i nostri contributi che nel corso dei dodici mesi appena trascorsi vi hanno appassionato e coinvolto maggiormente.

Categoria: 

[Tokyo2021] Incommensurabilmente felici

Il regolamento delle gare di inseguimento a squadre maschili è semplice: quattro ciclisti per parte prendono il via dai due rettilinei opposti della pista, chi per primo raggiunge l’avversario vince. Si chiama “inseguimento” per questo.

Categoria: 

Pagine

Errore | Bidon

Errore

Si è verificato un errore inatteso. Riprova più tardi, grazie.