Una prospettiva solo mia

Abbiamo incontrato Maarten Van de Velde, l'unico intruso del mondiale di ciclocross a porte chiuse. Un appassionato di "sport salati" che ha fotografato la sfida tra Van Aert e Van der Poel da un punto di vista assolutamente unico: il mare.

Categoria: 

I quattro elementi

Al mondiale di ciclocross di Ostenda Mathieu van der Poel e Wout van Aert si sono sfidati ancora, come fanno da un decennio, su un percorso che sembrava ispirato a visioni ancestrali.

Categoria: 

Uno zaino di cento chili

Categoria: 

Il racconto che cambia - una riflessione su ciclismo e televisione

La scorsa settimana il football NFL ha sperimentato un racconto dello sport mai visto, con una diretta rivolta totalmente al pubblico dei bambini. E se ci provasse anche il ciclismo? Qualche riflessione sulla comunicazione che cambia.

Categoria: 

Sono arrivate le magliette di Bidon

Accogli l'anno nuovo come si deve: mangia, bevi, stai calmo, non strappare e... vesti Bidon!

Categoria: 

Le bici sono le nostre metà – Cancellara, Colnago, il destino

È appena uscito, per 66thand2nd, "Ernesto Colnago - Il Maestro e la bicicletta", in cui il grande telaista si racconta a Marco Pastonesi ripercorrendo le tappe della sua straordinaria tr

Categoria: 

Arrivare a essere – La velosofia di Guillaume Martin

Guillaume Martin, 27enne della Cofidis, si è appassionato alla filosofia durante il liceo, quando si è accorto che non gli interessava nessuna materia in particolare, ma la filosofia gli permetteva di unificarle tutte.

Categoria: 

Fedele a me stesso - Intervista a Tao Geoghegan Hart

A stagione finita e festeggiamenti completati, abbiamo ricontattato Tao Geoghegan Hart per una lunga chiacchierata via e-mail nella quale il vincitore del Giro spazia dal lockdown alle celebrazioni, dai campetti di Londra sino alla Maglia Rosa, passando - e non potrebbe essere altrimenti - per il cibo

Categoria: 

La speranza che Newton si sbagliasse: Prefazione

"La speranza che Newton si sbagliasse" è la raccolta dei ventuno (più uno) articoli post-tappa scritti durante la Grande Boucle 2020 da Leonardo Piccione.

La testa sul manubrio

«Per rispetto di tutti coloro che mi hanno supportato negli anni, avrei voluto scrivere un post di qualche riga per dire che mi ritiro. Ma non ne sono stato capace. Ho sentito spesso parlare di “piccola morte” quando un corridore si ritira, e per me era una cosa astratta.

Categoria: 

Pagine